Mordi e fuggi

Si narra che la Mindfulness sia una pratica terapeutica molto diffusa, sembra nascere dalle filosofie dell’estremo oriente ed arriva a noi, seducendo alcune correnti psicologiche, che la implementano tra gli strumenti di empowerment del paziente.

Il punto fermo di questa attività è l’essere sempre presenti a se stessi quindi, ogni azione quotidiana, deve avere la nostra più totale attenzione e dedizione. 

Risulta certamente complesso, se non estremamente utopico, chiedere ad una persona con psicosi varie di essere presente a sé stessa. 

Quelle volte che capita, è una vittoria. 

Le altre, semplice routine. 

Ma ci sono degli avvenimenti collocati lungo un labile confine ed uno di questi mi sorprese il 17 Ottobre 2019.

Giuseppe si avvicina a Stefano, che mangia il suo gelato, con fare controllante e sospettoso, con le stesse capacità mimetiche dell’ispettore Zenigata ma appare tutto sommato tranquillo e sorridente. Lo osservo mentre, con scatto felino, avvicina il suo volto a quello della povera vittima designata ma sembra fare tutto con estrema concentrazione, è presente a sé stesso, anche se è chiaramente visibile che ha uno scopo, tutto sommato, però, mi sembra una vittoria. Porta le mani dietro la schiena, come a voler dimostrare di essere innocuo ma nell’immediato momento successivo, con un movimento rapido e assolutamente disumano, addenta il gelato di Stefano. Ride. Entrambi ridono. Io sono sconvolta. 

Ripenso, con fare critico, all’origine della Mindfulness, al suo utilizzo con alcuni tipi di pazienti e a quanto con i pazienti psicotici MAI ci FU ‘L NESS.

One Reply to “Mordi e fuggi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...